Radiofrequenza Closure Fast

L’ablazione endovenosa con radiofrequenza è una procedura minimamente invasiva.
E’ utilizzata quotidianamente come procedura di scelta tra le tecniche termiche e tumescenti.
Attraverso un piccolo ago, si inserisce il catetere all’interno della vena grande o piccola safena da trattare, quindi fatto avanzare verso l’inguine. Piccoli aghi ipodermici vengono quindi utilizzati per iniettare una soluzione anestetica locale nei tessuti molli che circondano la vena malata (questa procedura è nota come anestesia tumescente).

L’energia a radiofrequenza viene erogata nella vena attraverso il catetere ad intervalli di 20 secondi su una breve lunghezza di 7 cm della vena malata. L’energia a radiofrequenza distrugge la parete della vena, innescando una risposta di collagene per sigilla la vena. Il sangue viene quindi indirizzato verso vene sane e la vena malata viene assorbita dall’organismo nel tempo.

Senza tagli, senza punti, ripresa rapida. Il problema dell’insufficienza safenica è presto risolto.